Woof Bar – Berlin

Woof Bar – Berlin

Se la vostra intenzione è quella di passare una serata attorniati da gàye e depilate damigelle "Fashion Victims", allora NON entrate nel Woof Bar di Berlino! Qui pelo e ciccia fanno la loro porca figura, raggiungendo l’apice dell’espressività nello spettacolo offerto gentilmente dai barmen (Bearmen N.d.R.).

Gli orsetti affaccendati dietro al bancone sono infatti abbigliati in modo che le proprie natiche risultino in bella vista (Sbav! N.d.R.). In poche parole, un povero cacciatore di orsi come il sottoscritto si trova a ordinare una birra a un orso privo di pantaloni (Sbav! N.d.R.), con le chiappe al vento (Sbav! N.d.R.) e con la vita attorniata da un grembiulino minimalista a coprirgli esclusivamente le parti intime (Sbav! N.d.R.).

A parte questi particolari "sconvolgentormonàl-poveromé-datemisàli-chesennosvèngo", il locale in questione è un piccolo bar situato nel cuore del Quartiere Gay di Berlino. Si entra senza tessera, c’è il guardaroba adiacente all’ingresso e subito ci si trova dinnanzi al bancone… e allo spettacolo descritto sopra (Sbav! N.d.R.).

Piccolo particolare degno di nota: NON c’è birra alla spina ma solamente in bottiglia e per la maggior parte è Beck’s, una delle peggiori cervogie al mondo dopo la Von Wuster (trattasi di mio personalissimo nonché opinabile giudizio!). Altra simpatica chicca è la spina di Jägermeister al banco (sì, avete letto bene!), che distribuisce il famoso amaro come fosse acqua di Fiuggi nell’omonimo stabilimento termale.

Siamo comunque riusciti a cavarcela con una Weizen e una Christal. Muniti dunque di boccale d’ordinanza abbiamo assunto la consueta conformazione FreeBear e ci siamo spinti nei meandri obscuri di questo luogo.

Nel complesso sarebbe anche un locale gradevole se si riuscisse minimamente a respirare, data l’improponibile quantità di fumo di sigaretta che aleggia nell’aria. Ci è stato però riferito che entro i primi mesi del duemilaotto, in Germania verrà approvata una legge antifumo. Ce lo auguriamo di cuore!

Le condizioni igieniche generali ci sono sembrate ragionevoli. Anche le toilette sono nella norma e (sorpresona!) i Teutonici si lavano le mani dopo aver utilizzato il gabinetto, pratica non del tutto scontata se si volge lo sguardo verso altre etnie europee.

Simpatici i decori murali fatti con fili di cotone colorati e illuminati in modo da risaltare in maniera quasi innaturale. Interessante pure l’idea di un angolo con una sorta di gradone/panca ove sedersi e intrattenere pubbliche relazioni.

Giovedì e Domenica è serata di naked party, si entra quindi nudi come mamma ci ha fatti.

Woof Berlin
Fuggerstrasse 37
10777 Berlin-Shoneberg
Germany

http://www.woof-berlin.com

yggtorrentz telecharger | click | torrent search