SBA – Salus Bear Aquam – Ovvero: orsi alle terme.

SBA – Salus Bear Aquam – Ovvero: orsi alle terme.

Letteralmente sconvolti (!) dalla notizia della Bruni che, offesa e risentita, ha dichiarato al mondo intero che non avrebbe mai e poi mai partecipato al Festival di Sanremo; discretamente basiti per come il “Dott.” Morgan dei Bluvertigo abbia affermato che la cocaina è in assoluto il miglior antidepressivo perché anche Freud la prescriveva; stanchi e bisognosi di cure e di coccole, abbiamo finalmente concesso un fine settimana di completo relax ai nostri caduchi e transeunti contenitori di anime eterne e imperiture che, anche se mortali, avevano un tremendo bisogno di distendersi!

In pratica ci siamo detti: l’Italia possiede un primato in fatto di stazioni termali! Perché non approfittarne?

Detto fatto ci siamo muniti di catene da neve (stando alle previsioni del tempo ci sarebbe stato un mezzo finimondo… praticamente un quasi-ossimoro!) e abbiamo rivolto la prua della fida Gattomobile in direzione Merano, Alto Adige… e non date mai del trentino a un altoatesino, mi raccomando!

terme Merano freebear

L’ingresso delle Terme di Merano

Tutto il viaggio si è svolto nel fine settimana del Carnevale che, guarda caso, coincideva con San Valentino. E quale occasione migliore per muoversi senza prenotare nulla in anticipo?

Tutti i pacchetti offerta dell’Hotel Terme erano esauriti (peccato! Ci riproveremo la prossima volta…), ma da bravi FreeBear colmi di Bearitudine maxima, non ci siamo persi d’animo e abbiamo superato noi stessi: direttamente dall’autostrada, grazie all’iPhone di iPizzicaluna siamo riusciti a prenotare un iHotel che distava soli dieci minuti a piedi dalle iTerme: il “Siegler im Thurm”, che tradotto suona esattamente come “Albergo alla torre” (http://www.thurm.it).

Per quarantacinque euro a testa per notte abbiamo dormito in una stanza più che dignitosa, e ci siamo strafogati un’abbondante colazione al buffet. Personale molto cordiale e ambiente pulitissimo, com’era da aspettarsi in Alto Adige!

Inoltre abbiamo apprezzato parecchio il dieci percento di sconto offerto dall’hotel sul biglietto d’ingresso alle terme!

La giornata di sabato è stata quindi completamente dedicata al relax. Saune con gettate di vapore agli oli essenziali, bagni turchi con scrub al sale, vasche di reazione e una stanza “della neve” con temperatura di meno dodici gradi. Queste alcune delle attrazioni delle terme. Oltre ovviamente al bar dove ritemprarsi con un ottimo centrifugato di frutta e verdura o una tisana, per non parlare delle piscine e degli idromassaggi all’esterno, che consentono di godere di un impagabile panorama mozzafiato fatto di impervie montagne innevate… e qualche orsetto che ogni tanto ci sfilava davanti al naso!

In sauna si accede completamente nudi e senza ciabatte, solo con l’asciugamani, altrimenti ti becchi una di quelle cazziate dal personale che te la ricordi a vita!

Dulcis in fundo non potevano mancare i materassini ad acqua, in una suggestiva stanza semi oscura con il soffitto stellato trapuntato di led. A dire il vero non li ho trovati così comodi come me li aspettavo: avevo infatti l’impressione di essermi sdraiato su un enorme budino ripieno di acqua che sciabordava a ogni movimento del corpo.

Le terme rimangono aperte dalle nove del mattino fino alle dieci di sera (il primo venerdì del mese si chiude a mezzanotte) e il biglietto d’ingresso giornaliero costa venticinque euro. Quasi la metà rispetto a Milano o Bormio.

Insomma, tre giorni di impagabile benessere che ognuno dovrebbe concedersi almeno una volta ogni tanto!

Consigliate dal Gatto e dall’Orso.

Bye bye!

yggtorrentz telecharger | click | torrent search