Royal Hammam

Royal Hammam

Questo è quanto pensiamo della sauna Royal Hammam di Milano, dirimpettaia della discoteca Binario Uno, a due passi dalla stazione di Milano Lambrate:

Molto comoda da raggiungere anche con i mezzi pubblici. L’ingresso costa quindici euro ed è previsto anche un abbonamento.

L’ambiente è ampio, con un bar che serve anche piatti caldi, una grossa vasca per l’idromassaggio, una piscina con acqua fredda nella quale è possibile fare due bracciate, due saune, un bagno turco e gli immancabili camerini “relax”… o, per meglio intenderci, lo scopatoio.

Ciò che colpisce in misura maggiore è l’incoerenza tra il voler creare un luogo tutto sommato piacevole e la quasi totale negligenza nella cura dei particolari. Mi riferisco all’indescrivibile sporcizia delle toilette, alla mancanza di carta igienica, di sapone e all’odore nauseabondo presente anche a poche ore dall’apertura. Per non parlare dello stato in cui si trovano i camerini.

Questi ultimi sono angusti e davvero poco capienti. Mi meraviglio inoltre che abbiano dato l’autorizzazione all’apertura di un locale zeppo di spigoli vivi ad altezza tempia!!

Per il resto la sauna è frequentata principalmente da altezzose e sculettanti reginette che vi delizieranno con la loro ininterrotta sfilata. Cosa, quest’ultima, molto irritante soprattutto durante un bagno di vapore che preveda, per sua natura, la saturazione dell’ambiente circostante, resa impossibile dalle continue aperture e chiusure delle porte. Stesso discorso dicasi per la sauna secca.

Insomma, di orsi se ne vedono pochi, ma è l’unico posto dove si possa fare, sfilate permettendo, una sauna decente.

yggtorrentz telecharger | click | torrent search