One Way – Sabato 16 Maggio 2009

One Way – Sabato 16 Maggio 2009

Dopo mesi di assenza da questo famosissimo locale Gay del milanese, siamo finalmente tornati a far visita al One Way, storica discoteca nel ridente Hinterland del capoluogo Lombardo.

Il locale, per chi non lo sapesse, si trova a Sesto San Giovanni (MI), a 10 minuti a piedi dalla stazione di Sesto Rondò – Linea 1 della Metropolitana Milanese.

Dopo l’ultima recensione di FreeBear, che risale al lontano Luglio 2007, ci siamo presi una lunga pausa di riflessione e abbiamo atteso che gli eventi seguissero il loro corso; con la speranza che alcuni aspetti giudicati negativi venissero infine migliorati.

A quanto pare l’attesa è stata utile! Con mio piacevole stupore, devo riconoscere che la gestione attuale si è data da fare e sta finalmente ottenendo i risultati tanto auspicati.

Ma lasciamo da parte questa austera introduzione piuttosto formale e immergiamoci in quella che è stata la serata di Sabato 16 Maggio.

Arriviamo piuttosto tardi: è circa l’una di notte. Siamo reduci dalla proiezione dell’ultimo film di Star Trek. Parcheggio quindi la Gatto-Mobile a un quarto d’impulso, inserisco gli smorzatori inerziali esterni, arresto totale dei motori e subito ci teletrasportiamo all’ingresso del One Way!

La storica insegna luminosa ci indica orgogliosamente l’ingresso. Perché la maggior parte degli altri locali gay è priva di chiare e leggibili insegne? Boh… mistero! : - )

Entriamo, passando per il comodo giardinetto estivo. Veniamo accolti con un bel sorriso e un “Benvenuti!”, cosa che sta cominciando a diventare rara nei luoghi pubblici. Veniamo drink-cardizzàti.

Facciamo la nostra passerella con tournée à droite fino al guardaroba e lasciamo in custodia le nostre Gucci-borse

La Gucciborsa

e gli stravaganti cappelli texani, chicchissimi (riprendo un termine scovato su un sito di moda) bianchi e neri che ci donano un’aria un pochino Punk (come impone la moda per l’attuale primavera-estate).

Vado subito in bagno: il lungo viaggio nell’iperspazio e la mancanza di toilette sulla gatto-mobile hanno contribuito a dare un reale significato al mio bisogno di fare pipì. Non rilevo segni di degrado degni di nota, dall’ultima volta che ho frequentato questi bagni. Per essere l’una di notte mi sembrano in condizioni più che accettabili!

I più maligni di voi (e so che siete in tanti!) potrebbero pensare: non c’era nessuno!

E invece no! Il One Way, Sabato 16 Maggio era più che pieno! Ma la cosa che mi ha davvero stupito è che la pista da ballo è stata presa d’assalto fino a tarda ora: cosa che raramente mi è capitato di vedere in passato!

Per questo mi rivolgo a Giorgino (il DJ): non me ne volere, a me la tua musica proprio non piace, tuttavia ti faccio i miei complimenti per aver tirato in pista tutta quella gente in una discoteca “dispersiva” come il One Way! Dispersiva perché dotata di spazi piuttosto grandi (il giardino, il bar, la sala proiezioni, le due dark-room), che invogliano la gente a diluirsi in tutto il locale.

Tra le novità vorrei segnalare: la sala proiezioni adiacente alla dark-room, nella quale si possono visionare interessanti documentari di National Geographics sui rituali di corteggiamento dei plantigradi e dei loro ammiratori; l’angolo “salotto”, situato di fronte al bar, al lato della pista; ma la novità più eclatante e piacevole, per quanto mi riguarda, è stata la presenza, seppur timida, di qualche rappresentante del sesso femminile. Finalmente un po’ di figa, direbbero i miei amici etero dopo essere usciti dal cesso dell’autogrill con i pantaloni macchiati!!

L’arredamento ha subito un gradevole ritocco, un po’ come una vecchia signora in declino che, alle due di notte e con un buon camouflage, può anche sembrare Britney Spears, grazie anche all’effetto nebbia e ai fumi dell’alcol.

A tal proposito, al bar non vengono più servite anonime bottiglie, ma al loro posto alcolici griffati (finalmente!) vengono copiosamente elargiti nei drink, che di conseguenza diventano davvero dirompenti!

Tirando le somme, è stata una serata piacevole e divertente. Il One (come spesso viene chiamato abbreviandone il nome) sembra essersi risvegliato da un torpore che si portava dietro da anni, affossato forse da una gestione un po’ troppo ingessata e da serate organizzate con eccessiva pretenziosità.

Speriamo che questo sia solo l’inizio di una serie di eventi favorevoli che riescano a portare a livelli di eccellenza l’unica discoteca Bear-friendly di Milano e dintorni!

Faccio i migliori auguri a chi si sta dando da fare per gestire questo locale con entusiasmo e dedizione!

 

One Way Club
Via Felice Cavallotti, 204
20099 Sesto San Giovanni (MI)
Tel.: 022421341
www.oneway.it

yggtorrentz telecharger | click | torrent search