Fuckin’ friday extralarge!

Fuckin’ friday extralarge!

Descrivere l’evento Extralarge di Bergamo di venerdì 13 marzo ha davvero dell’imbarazzante. Ho dovuto far ricorso a svariate tecniche di rilassamento e di training autogeno al fine di non sparare a zero senza pietà su tutto.

La serata “Fucking Friday” (vedi volantino) si è svolta presso la discoteca Bolgia, vicinanze  acciaierie Dalmine (BG) e, almeno sulla carta, venivano promessi orsi, cacciatori e bella gente. A seguire: visual-concept di nuova generazione e design innovativi, il tutto condito da ottima musica.

Ebbene di gente ce n’era eccome! Orsi, orsetti e cacciatorini assortiti disseminati per tutto il locale. Ma i visual erano: un filmato su parapendio e aeroplani, e alcuni spezzoni di Star Trek. L’ennesimo esempio di come un programma di fotomontaggio riesca a farci sentire tutti quanti dei piccoli Kubrick!

Ma cominciamo dall’inizio: arriviamo, invitati dagli organizzatori, alle undici di sera. Cartelli avvisano a gran voce che è una serata gay, testuali parole: “parental advisor – party gay”. Ma non era una festa per tutti?

C’è già un po’ di gente all’ingresso, dove il Dj sta suonando all’aperto. Dopo una non troppo piacevole attesa al freddo, decidono di farci entrare.

Quindici euro (tredici in lista) più due di guardaroba che diventano dieci se vuoi depositare uno zainetto. Ci vengono consegnati: uno scontrino fiscale con tagliando “figlia” staccabile, un free pass, un buono per la prima consumazione, uno per il guardaroba (ski-pass, carta verde, passaporto, permesso di soggiorno, dichiarazione d’intenti, dichiarazione dei redditi, liberatoria sulla privacy, ricetta torta di mele e via dicendo).

Terminato questo macchinoso check-in, guadagnamo finalmente l’accesso al locale e ci fiondiamo immediatamente al bar per usufruire del nostro micro bicchiere di coca-cola aromatizzata al rum, rigorosamente senza limone perché era finito. A inizio serata? Davvero curioso!

Ci mettiamo a bere la nostra sciacquatura di piatti a bordo pista, dove i cartelli “vietato fumare” sembrano essere come il design innovativo: occulti.

Verso mezzanotte parte la banal-commercial-music a smodato volume. Per “smodato” intendo quella cosa per cui diventa pressoché impossibile interagire acusticamente con il prossimo senza urlare per farsi sentire, infilando un orecchio in bocca al proprio interlocutore per ascoltare.

Insomma, all’una di notte passata c’era uno sparuto manipolo di persone in pista e un sacco di gente che si lamentava per la musica e per i drink (otto euro l’uno!!).

Alle tre la situazione non migliorava e, di conseguenza, ce ne siamo andati via senza più voce, con splendidi aufeni e i “sacrosantissimi” davvero troppo extra-large!

Prossimo evento extralarge: 10 aprile 2009. Se siete orsi o cacciatori e non avete niente da fare, vi consiglio di affittare un DVD!

Aloha!

yggtorrentz telecharger | click | torrent search